I consigli del naturopata per una sana flora batterica

A cura di


I consigli del naturopata per una sana flora batterica

Dalla buona salute del nostro intestino dipende lo stato di benessere generale. Ecco alcuni consigli della Naturopatia per la salute del colon e il recupero da disbiosi e disturbi intestinali.

Naturopatia Funzionale Integrata® 
e benessere dell'intestino

Il benessere dell'intestino è la base della salute generale di tutto l'individuo. Se l'intestino è intossinato da scorie alimentari indigeribili accumulate, la Naturopatia consiglia di depurarlo con un ciclo di sedute di idrocolon.

simona vignali consigli naturopata intestino probioticiDobbiamo immaginare il nostro intestino come un vero e proprio ecosistema nel quale si trovano a coesistere diverse specie di microrganismi in un insieme che si sviluppa a partire dai nostri primi giorni di vita, per raggiungere quindi la massima concentrazione più o meno intorno al quarto anno di età e poi rimanere stabile e permanente. 

All'interno di questo ecosistema esistono organismi favorevoli alla salute dell’intestino, detti saprofiti, e altri nocivi detti patogeni. Quando queste due tipologie sono in equilibrio fra loro l'intestino è in condizione di eubiosi mentre  se prevalgono gli agenti in grado di provocare patologie abbiamo una condizione di disbiosi. L'equilibrio è  influenzato e determinato da molti fattori quali età, dieta, infezioni, uso di farmaci: la stessa regolarità intestinale può influenzare le condizioni di eubiosi e disbiosi.

Probiotici contro disbiosi e disturbi intestinali

Per aiutare il nostro intestino a raggiungere un buon equilibrio nella flora batterica può essere molto utile l'assunzione di probiotici, che possono essere presi per periodi di circa quindici o venti giorni tre/quattro volte all'anno: nel caso la flora batterica sia già notevolmente impoverita o in caso di disbiosi intestinale è consigliabile prolungare il periodo di assunzione fino a un mese.
Nel caso di disturbi in cui è particolarmente importante la buona salute della flora batterica intestinale, come in caso di disbiosi intestinale, colite, sindrome del colon irritabile, l'assunzione di probiotici  è consigliabile per periodi prolungati. Sono preferibili quelli privi di lattosio a dosaggi molto concentrati. Molto importanti anche inulina e vitamina B12.

L'alimentazione naturopatica fa bene al colon

Bisogna ricordare che i farmaci in genere e in modo particolare gli antibiotici possono compromettere anche seriamente l'equilibrio della flora intestinale, così come lo zucchero bianco e i cibi raffinati di solito favoriscono la proliferazione dei batteri patogeni antagonisti.

La Naturopatia consiglia tutta quella gamma di alimenti che possono aiutare la flora batterica. Quindi sì a tutti i cibi crudi ed enzimatici, così come sono da privilegiare tutti gli alimenti fermentati, in particolar modo yogurt naturale (senza zucchero però!) e il kefir.
Consigliabile anche, di quando in quando, sottoporsi a trattamenti quali l'idrocolon che purificano l'organismo dalle scorie accumulate giorno dopo giorno.

Naturopatia Funzionale Integrata® 
e benessere dell'intestino

Il benessere dell'intestino è la base della salute generale di tutto l'individuo. Se l'intestino è intossinato da scorie alimentari indigeribili accumulate, la Naturopatia consiglia di depurarlo con un ciclo di sedute di idrocolon.

simona vignali consigli naturopata intestino probioticiDobbiamo immaginare il nostro intestino come un vero e proprio ecosistema nel quale si trovano a coesistere diverse specie di microrganismi in un insieme che si sviluppa a partire dai nostri primi giorni di vita, per raggiungere quindi la massima concentrazione più o meno intorno al quarto anno di età e poi rimanere stabile e permanente. 

All'interno di questo ecosistema esistono organismi favorevoli alla salute dell’intestino, detti saprofiti, e altri nocivi detti patogeni. Quando queste due tipologie sono in equilibrio fra loro l'intestino è in condizione di eubiosi mentre  se prevalgono gli agenti in grado di provocare patologie abbiamo una condizione di disbiosi. L'equilibrio è  influenzato e determinato da molti fattori quali età, dieta, infezioni, uso di farmaci: la stessa regolarità intestinale può influenzare le condizioni di eubiosi e disbiosi.

Probiotici contro disbiosi e disturbi intestinali

Per aiutare il nostro intestino a raggiungere un buon equilibrio nella flora batterica può essere molto utile l'assunzione di probiotici, che possono essere presi per periodi di circa quindici o venti giorni tre/quattro volte all'anno: nel caso la flora batterica sia già notevolmente impoverita o in caso di disbiosi intestinale è consigliabile prolungare il periodo di assunzione fino a un mese.
Nel caso di disturbi in cui è particolarmente importante la buona salute della flora batterica intestinale, come in caso di disbiosi intestinale, colite, sindrome del colon irritabile, l'assunzione di probiotici  è consigliabile per periodi prolungati. Sono preferibili quelli privi di lattosio a dosaggi molto concentrati. Molto importanti anche inulina e vitamina B12.

L'alimentazione naturopatica fa bene al colon

Bisogna ricordare che i farmaci in genere e in modo particolare gli antibiotici possono compromettere anche seriamente l'equilibrio della flora intestinale, così come lo zucchero bianco e i cibi raffinati di solito favoriscono la proliferazione dei batteri patogeni antagonisti.

La Naturopatia consiglia tutta quella gamma di alimenti che possono aiutare la flora batterica. Quindi sì a tutti i cibi crudi ed enzimatici, così come sono da privilegiare tutti gli alimenti fermentati, in particolar modo yogurt naturale (senza zucchero però!) e il kefir.
Consigliabile anche, di quando in quando, sottoporsi a trattamenti quali l'idrocolon che purificano l'organismo dalle scorie accumulate giorno dopo giorno.


Condividi questo articolo